CASA DELLA CARITÀ ED EASYBOX INSIEME PER LA SALUTE DEGLI ULTIMI

Grazie a tutti coloro che hanno supportato la raccolta fondi #EasyBoxRun, organizzata in occasione di Stramilano 2019, abbiamo raggiunto il traguardo di 7.000 euro che verranno utilizzati per offrire 170 visite mediche e psichiatriche presso il Centro d’Ascolto della Fondazione Casa della carità “Angelo Abriani” ONLUS. Questo grande risultato ci permette di supportare le attività della Casa che, dal 2004 ogni giorno, si prende cura di centinaia di persone in difficoltà offrendo loro sostegno gratuito, con l’obiettivo di aiutarle a riconquistare l’autonomia.

Siamo orgogliosi di aver raggiunto questo traguardo e non vogliamo fermarci qui. Desideriamo sostenere il lavoro della Fondazione e far parte di qualcosa di così utile e importante per la comunità. 

Continuate a seguirci perché abbiamo ancora bisogno del vostro aiuto! Presto ripartiremo con nuove attività per sostenere la Fondazione e i suoi progetti!

Una Casa per tutti nella complessità della realtà milanese

Ciò che più ci ha colpito visitando la Casa della carità è la sensazione di serenità che si respira al suo interno. Chiunque arrivi è il benvenuto: famiglie senza casa, giovani migranti, mamme con bambini e persone con problemi di salute mentale, ma anche tutte le persone che vivono nel quartiere e che vogliono condividere del tempo insieme. La Casa cerca di essere una porta aperta alla città, offrendo ospitalità e instaurando una relazione con le persone che vi giungono.

La Fondazione, inoltre, propone ai suoi ospiti progetti personalizzati di accompagnamento e di cura, mettendo in campo competenze educative, sociali, cliniche, psichiatriche, giuridiche e relazionali, con l’obiettivo di promuovere il rientro attivo nella società. Per fare questo, la struttura promuove e realizza iniziative culturali e formative. Sin dalla sua apertura, infatti, la Casa della carità considera cultura e accoglienza come parti di un unico percorso e lavora ogni giorno con persone provenienti da ogni parte del mondo su progetti educativi, attività artistiche e sportive, lezioni di lingua e percorsi mirati che permettano l’ingresso nel mondo del lavoro.

Alcune delle storie di coloro che sono seguiti dalla Casa della carità

Silvano è da alcuni mesi ospite della Casa della carità e ha da tempo problemi di cuore. Le dottoresse dell’Ambulatorio lo stanno seguendo per fargli avere le cure necessarie.

Talib è del Sud Sudan, aveva un rene malato. Alla Casa della carità ha trovato un luogo dove stare in attesa del trapianto. Le dottoresse dell’Ambulatorio e gli operatori si sono presi cura di lui e lo hanno accompagnato in questo percorso difficile. 

Sono molte le persone come Mohamed che vivono per strada e si rivolgono ai medici dell’Ambulatorio della Casa della carità per una visita di controllo, una medicazione, un consiglio.

Torna al blog