Come organizzare al meglio il tuo self storage

0 Condivisioni

Il self storage è la soluzione ideale se hai bisogno di uno spazio extra per custodire oggetti che non usi quotidianamente, ma in questi casi l’organizzazione è fondamentale per ottimizzare lo spazio a disposizione, e quindi risparmiare tempo e denaro. Ecco perché abbiamo preparato per te una guida su come organizzare al meglio il tuo self storage.

Segui i nostri consigli pratici e rendi il tuo deposito un ambiente efficiente e funzionale, dove c’è spazio per tutto — ma non per il disordine!

  1. Liberati degli oggetti superflui

Prima di iniziare a organizzare il tuo self storage, c’è un passo fondamentale che non puoi saltare: il decluttering. Si tratta di un processo di selezione degli oggetti che popolano il tuo spazio, e ha lo scopo di liberarti del superfluo, aiutandoti a tenere solo ciò che ti serve davvero o che ha un valore per te.

Lo sappiamo, non è facile liberarsi delle proprie cose. Ma puoi provare a chiederti: mi serve veramente questo oggetto? Se la risposta è no, o se hai dubbi, è il momento di valutare l’ipotesi di eliminarlo. Ma non buttare via tutto indistintamente! Esistono diverse alternative che possono dare nuova vita alle tue cose e, allo stesso tempo, alleggerire il carico da organizzare.

Per esempio, puoi valutare di regalare, scambiare o vendere i tuoi oggetti usando uno dei numerosi gruppi Facebook dedicati o una delle tante app dedicate all’usato.

Fare questa prima selezione non è semplice, ma alleggerisce molto il lavoro successivo.

  1. Ordina gli oggetti in categorie
Scaffali o contenitori etichettati secondo diverse categorie]

La chiave per avere un deposito funzionale sta nell’ordine; e il modo migliore per fare ordine è suddividere gli oggetti in categorie.

Dividere i tuoi oggetti in categorie ben definite ti aiuta a pianificare il layout del tuo self storage in modo strategico, massimizzando lo spazio e facilitando l’accesso a ciò che ti serve. 

Ecco alcuni spunti per una categorizzazione efficace:

  • stagionalità: seleziona gli oggetti che utilizzi solo in determinati periodi dell’anno, come decorazioni natalizie o attrezzi da giardino, e riponili in zone meno accessibili durante il resto dell’anno, liberando spazio prezioso per gli oggetti di uso quotidiano;
  • frequenza d’uso: dai priorità agli oggetti che utilizzi più spesso, posizionandoli in zone facilmente raggiungibili. Quelli che usi raramente, come vecchi ricordi o documenti, possono essere messi in zone meno accessibili — ma sempre ben identificate!
  • tipologia: raggruppare gli oggetti per tipologia (abbigliamento, libri, utensili da cucina, ecc.) facilita la ricerca e ti aiuta a creare un ambiente ordinato e anche visivamente piacevole;
  • fragilità: dedica uno spazio sicuro e protetto agli oggetti fragili, come stoviglie o soprammobili, per preservarli intatti nel tempo;
  • valore affettivo: gli oggetti che rivestono un valore affettivo particolare meritano un’attenzione speciale. Riservare loro uno spazio dedicato, magari con etichette descrittive, ti permetterà di ritrovarli facilmente e di rivivere i tuoi ricordi ogni volta che ne avrai voglia.
  1. Sfrutta lo spazio verticale

Non limitarti a impilare le scatole sul pavimento. Investi in scaffalature o mensole per sfruttare lo spazio verticale e massimizzare la capienza del tuo deposito.

Sfruttare lo spazio verticale aumenta lo spazio di archiviazione disponibile, facilita l’accesso agli oggetti e mantiene il pavimento libero per oggetti più grandi e pesanti.

Ecco qualche suggerimento:

  • installa scaffali e mensole lungo le pareti,
  • usa scatole robuste e impilabili per vestiti, libri, documenti e piccoli oggetti,
  • posiziona le scatole più pesanti sul pavimento e quelle più leggere sugli scaffali,
  • usa ganci, rastrelliere e pannelli forati montati alle pareti per appendere attrezzatura varia, come utensili da giardinaggio o attrezzature sportive, 
  • riponi le scale verticalmente appoggiandole alle pareti o usando gli appositi ganci,
  • arrotola tappeti e moquette e riponili verticalmente contro il muro, per risparmiare spazio sul pavimento.

Ricordati di assicurare la stabilità degli oggetti riposti in verticale per evitare incidenti, e di fissare sempre gli oggetti più grandi o quelli a rischio di ribaltamento.

  1. Etichetta ogni cosa e fai un inventario

Per mantenere l’ordine nel tempo e ritrovare gli oggetti facilmente, un’etichettatura chiara e un inventario ben organizzato sono i tuoi migliori alleati:

  • etichetta scatoloni e scaffali: descrivi il contenuto in modo chiaro, usando parole chiave specifiche (hai presente quando passano gli anni e non ti ricordi più cosa vuol dire quel misterioso nome su quell’etichetta?);
  • crea un elenco di inventario completo in cui annotare ogni informazione utile (come ad esempio la data di stoccaggio).

Un inventario digitale può semplificare ulteriormente il monitoraggio del contenuto del tuo deposito.

  1. Progetta dei percorsi logici e accessibili
Un deposito self storage con passaggi liberi tra scaffali e scatole

Per sfruttare al meglio il tuo self storage crea dei percorsi comodi e funzionali che ti permettano di muoverti liberamente e di raggiungere ogni oggetto con facilità.

Ecco alcuni consigli per ottimizzare gli spostamenti all’interno del deposito ed evitare che diventi un labirinto di scatole e scatoloni:

  • lascia dei corridoi: non riempire ogni centimetro di spazio, ma crea dei corridoi tra scatole e scaffalature. Questo ti permette di muoverti agevolmente con un carrello o semplicemente a piedi, anche quando hai le mani occupate;
  • posiziona gli oggetti in modo strategico: riponi gli oggetti che usi più frequentemente in zone facilmente accessibili, come il fronte degli scaffali o all’inizio dei corridoi. Invece metti quelli che usi di rado in zone meno raggiungibili, pur mantenendo un’organizzazione chiara;
  • evita l’effetto domino: non impilare gli scatoloni uno di fronte all’altro, e per sfruttare lo spazio verticale usa scaffali o contenitori resistenti che ti permettono di accedere facilmente a ogni elemento senza far crollare la “torre”;
  • mantieni l’ordine: rimetti ogni oggetto al suo posto dopo averlo usato, e evita di accumulare disordine nei corridoi e sul pavimento.
  1. Ruota gli oggetti in base alla stagionalità

Metti gli oggetti che ti servono durante la stagione in corso nelle zone più facilmente accessibili del tuo self storage; in questo modo puoi avere sempre a portata di mano ciò che ti serve senza dover cercare tra scatole e scaffali.

Ecco alcuni esempi di oggetti stagionali:

  • primavera: attrezzi da giardinaggio,
  • estate: mobili da giardino, attrezzatura da campeggio e da spiaggia,
  • autunno: decorazioni di Halloween, rastrelli, stivali da pioggia,
  • inverno: cappotti pesanti, piumoni, sci, snowboard, decorazioni natalizie.

Self storage EasyBox: la soluzione migliore per tutti i problemi di spazio

Se hai bisogno di spazio extra EasyBox è la soluzione che fa per te. I nostri self storage mettono a tua disposizione un’ampia varietà di metrature per soddisfare ogni tua esigenza, e ti garantiscono un ambiente sicuro, pulito e sempre accessibile. Contattaci subito per un preventivo!

Torna al blog